Elzear Horn

Ichonographiae Monumentorum Terrae Sanctae, 1724-1744

Il padre francescano Elzear Horn, tra il 1724 e il 1744 compose la sua opera pubblicata nel 1902 dal Gulobovich. L’opera contiene molti dettagli sul Santo Sepolcro, corredati da disegni da lui stesso eseguiti, talvolta riprendendo quelli più antichi di Bernardino d’Amico e di altri, a cui aggiunse precise didascalie. Completamente nuovi sono i disegni delle tombe dei Re Latini, distrutte nel 1808; nuovi sono i disegni dei pavimenti cosmateschi. Inoltre Horn fu il primo a restituire la pianta del convento francescano del Santo Sepolcro, e soprattutto a lasciarci disegni dei mosaici crociati andati distrutti. L’opera venne rieditata da Padre Bagatti con testo a fronte in inglese nel 1962.

Ichonographiae Monumentorum Terrae Sanctae